STUDI APERTI AIAPP
SI APRONO LE FUCINE DEL PAESAGGIO CONTEMPORANEO
Milano, 12/13 aprile 2014

Sabato 12 e domenica 13 aprile, l’Associazione Italiana Architettura del Paesaggio – Sezione Lombardia proporrà la prima edizione di Studi Aperti AIAPP, un weekend di apertura degli studi di Paesaggisti Soci AIAPP di Milano a colleghi e appassionati.
La visita agli Studi Aperti AIAPP cade nell’ambito della manifestazione nazionale Giardini e Paesaggi Aperti AIAPP, giunta alla sua quarta edizione, e sarà arricchita da diverse iniziative culturali e serate a tema, che coinvolgeranno spazi, studi e atelier della città.

AIAPP – Associazione Italiana Architettura del Paesaggio propone anche quest’anno una serie di iniziative, volte ad esplorare e promuovere la disciplina della Progettazione del Paesaggio e a creare nuovi momenti di relazione tra progettisti, aziende e pubblico.

Durante il Fuorisalone Milano Design Week 2014, in occasione del Salone del Mobile di Milano, che si terrà dal 8 al 13 aprile 2014, per la prima volta AIAPP permetterà di entrare in decine di “fucine di paesaggio” milanesi. Per due giorni sarà possibile entrare nei luoghi in cui nascono terrazzi, giardini, parchi, paesaggi straordinari e conoscerne i progettisti.
I Paesaggisti aderenti all’iniziativa saranno indicati su una mappa degli Studi Aperti AIAPP e segnalati in strada da banner identificativi riportanti il logo dell’Associazione Italiana Architettura del Paesaggio.

L'AIAPP rappresenta dal 1950 i professionisti attivi nel campo del Paesaggio, é membro di IFLA (International Federation of Landscape Architects) e di IFLA Europe (International Federation of Landscape Architecture Europe) e raggruppa oggi circa 600 Soci impegnati a tutelare , conservare e migliorare la qualità paesaggistica dell’Italia. La sezione Lombardia raccoglie circa 120 professionisti, di cui quasi 70 situati a Milano.

Studi Aperti AIAPP raffigura un’occasione unica per entrare in luoghi abitualmente chiusi al pubblico, lontano dallo sguardo dei passanti, spesso caratteristici per il contesto in cui si inseriscono, il design degli ambienti interni, la ricchezza degli archivi che custodiscono.

 

http://www.aiapp.net/

https://it-it.facebook.com/aiapp.lombardia



06.APR.2014      Autore: Redazione
CONDIVIDI